lunedì 18 dicembre 2006

Obongo feedback

Per festeggiare le prime due settimane di vita di Obongo Forever, pubblichiamo una selezione di messaggi giunti in redazione.

"Da quando leggo Obongo Forever mi sento molto meglio. Prima avevo la sensazione che nessuno mi capisse, adesso di cui ho letto avuto poiche' stato essendo. Ho reso l'idea?"
Anonimo incompreso

"Il vostro blogghe curturarmente elevatamente mi a propriemente interesato assai. Grandissimamente complimente per esserlo scritto. Grazzie di quore."
Scarraputo Pascuale - Enna

"Gentile redazione di Obongo Forever, a nome dell'altissimo direttivo del Club Royale d'Europe vi porgo le felicitazioni per avere attirato la nostra attenzione. La vostra pungente satira nei confronti dell'attuale sistema politico italiano ci trova completamente concordi. Li cacceremo tutti, questi bolscevichi di *BEEP*! Un grazie a nome di tutte le belle nobili famiglie del nostro elitario club per il vostro contributo nel diffondere il messaggio monarchico. W VERDI!"
Vittorio E. - Savoia, Regno d'Italia

"Ue' redazione! Siete fortissimi! Dateci dentro con la vostra satira anti-fascio! Qui al centro sociale Nenno Spippolini vi leggiamo fisso. Siete troppo avanti. L'antimilitarismo pervasivo che occlude le comunita' non allineate al messaggio americanista e' di un'incisivita' baluginante. Cogliamo l'occasione per invitarvi alla sagra dell'arachide (rigorosamente non OGM) come ospiti d'onore. Vi abbiamo messo in scaletta dopo la retrospettiva sul cinema sovversivo panamense. Hasta la victoria Obongo!"
Gino "Fidel" Massarini - Borgorosso

"Obongo e' bellezza, vanita', fashion. Obongo e' stylish, glamour, retro'. Obongo respira dove la moda vive, crea dove il tempo e' un must e materializza arte in un framework di buongusto. Lights, camera, Obongo! Colori, suoni, sfilate, jetset, nudelook e artdeco. In due parole, Obongo Forever."
Gilles Checcabona, "ModaOggi" - Dicembre 2006

"Salve. A nome del Comitato per la salvaguardia del Proteo volevo ringraziarvi per la bella campagna che avete promosso. Anche se per ora i vostri articoli non parlano affatto del proteo, siamo certi che anche voi di Obongo Forever avete a cuore la sorte di questo simpatico animaletto. Probabilimente avete in cantiere diversi pezzi a riguardo o forse i vostri articoli non parleranno mai di proteo, anche se questo sarebbe un male. Cosa faremo poi quando il proteo sara' estinto? Chi mai scorrazzera' beato e felice nelle pozze melmose che si creano nelle grotte a 100 metri di profondita'? Ci metteremo gli scoiattoli? Le capre? Gli stambecchi? No! Nessuno puo' farlo bene come un proteo. Riflettete. Fate come noi: proteoggiamolo!"
Francesco De Santis - Assisi

"Questo sito e' bellissimo, veramente. Non trovo altre parole. E poi il livello degli articoli di Figghiu! Ah, che penna! Che umorismo! Che stile! E voi non lo conoscete bene come lo conosco io: e' anche una bella persona ed un bell'uomo. Definitivamente il blog dell'anno. E non lo dico solo perche' ha in ostaggio i miei DVD dei Puffi e non me li vuole rendere. Lo penso davvero."
Anonimo amico di Figghiu

"Carmeluzzo u'Gnaru, chissu missaggiu i' pi'ttia: il cigno ha cantato. Intesi 'cci siamo, ah? Le mele stanno int'o forno. Baciamo le mani a 'vvossia."
Pippo O'Carnefice - Gela

"Grande Obongo Forever! Siete bravissimi. Non preoccupatevi se per adesso in molti non vi capiscono. Succede a tutti all'inizio. E' successo anche a me. Quando al processo per il pluriomicidio ho detto che era Sgnakkabor il Venerabile che guidava la mia mano assassina. Hanno insinuato che fossi pazzo... Ah, ah! PAZZO! IO? Ops... Scusate, devo andare. Ho l'elettroshock delle 6. Continuate cosi', siete la migliore cosa che abbia mai letto."
Lettera firmata - Poggio Reale

"Grazie! Grazie! Grazie!"
dr. prof. Felice Gonfiore, primario del Centro di cura per Grandi Costipati - Viterbo

2 commenti:

Fabio ha detto...

Grazie di esistere Obongo. Anch'io, come tutti i grandi costipati che sono in cura dal prof. Gonfiori, voglio ringraziarti per l'aiuto che ci dai. Spero presto di lasciare la casa di cura "Villa Sfinteria" e di tornare alla mia vita normale; comincio ad essere stanco del prof. Gonfiori che continua a farci leggere il tuo blog per ... stimolarci. Voglio una vita con meno Prof. e più prooof.
Anonimo Costipato

Emanuele Gerosa ha detto...

si scrive obongo ma si legge "genio". Quali altri aggettivi possono megglio descrivere l'analessi mediatica sulla storia evoluzionista del concetto satirico. Si percepisce vibrante il coabitare in questi scritti di una concione di menti illuminate che nel coacervo cognitivo dei loro gangli nervosi esprimono senza requie il meglio dell'epistegenesi chirografica del senso compiuto.
Come non menzionare poi l'uso compiuto ed illuminante della catacresi nella sua forma più trascendente pur non cadendo nel vile tranello della prosopopea più sinestetica.
consentitemi in chiusura un poliptoto annominativo senza anastrofe: obongo che c'obonghi d'obonghe virtù obongato sempre non pago d'obongar, vivi per noi nell'iperbole del santo vessillo di cui ti carichi senza nulla a pretendere.

A nome della S.C.R.O.T.O. (Sapiente Congrega dei Retorici Osservanti Tediosi Ortodossi)ti giunga, nella generosità degli Dèi, il nostro chiasmo più vivace, e la nostra nostra nostra epanalessi più giocosa.

Prof. Giorgio Maria Polisindeto Ossi del Moro