domenica 17 maggio 2015

Il folletto Frittata (Edizione 2015)

Riecco il folletto Frittata, uno dei primissimi pezzi di Obongo.
Visto che alcune parti non mi convincevano più tanto, l'ho ritoccato qua e là.
Per i curiosi, la versione originale potete leggerla qui.

C’era una volta un bo... un bo... un bo... un bosco incantato dove viveva un folletto che si chiamava Frittata.
“Chissà perché mi chiamo così?” pensava.
Frittata era un tipo un po’ matto e pesava 100 grammi.
Abitava sotto un fungo cresciuto sotto l’unghia incarnita dell’alluce sinistro di un orco, dal nome che era tutto un programma: Granp.
Il buon Frittata (“Che nome strano che ho, non mi piace”, disse all'autore) soffriva molto per il fetore emanato dal Granp orco e, per non finire intossicato, cercò di mettersi dei tappi nel naso ma sbagliò mira e se li infilò nelle orecchie.
“Hurrà! Non sento più la puzza! Non sento più niente!” esultò festante rivolto verso un suo amico che gli rispose: “--------? ------------! -----, -------!”
A quel punto sprofondò nella disperazione più nera in quanto oltre a non udire non vedeva più nulla, mentre poteva ancora sentire tutto il fetido olezzo.
Comperò allora una maschera modernàs da mettersi sul volto; ma dopo poco capì che quello che gli serviva era invece una maschera antigas.
Perennemente isolato per via del terribile puzzo e costretto ad indossare sempre la maschera, Frittata continuò a vivere sotto il suo fungo, ma capì che il problema non era risotto.
Anelava per se una vita migliore trovando che fosse normale per un folletto avere una forte aspirazione.
Frittata (“Dovevi essere ubriaco quando mi hai dato il nome”, protestò ancora nei confronti dell’autore) si rivolse allora al saggio Sondipas, in cerca di una soluzione.
“Ho riflettuto a lungo figliolo, sembravo uno specchio da quanto ho riflettuto ma ho trovato la soluzione al tuo problema” disse Sondipas transitando rapido, “Ti ho scritto tutto qui sul folletto delle istruzioni”.
“Vorrai dire ‘foglietto’, saggio Sondipas?”, lo corresse Frittata.
Già sulla porta pronto ad andarsene, Sondipas saggio esitò un istante per introdurre il suo assistente “No, intendo proprio lui, Delleistruzioni, è il folletto che mi fa da assistente”
Delleistruzioni sbottò “Non sono un folletto, sono un toro!”
Sondipas si rivolse nuovamente a Frittata “Non farci caso, è un tipo bugiardino. Avvicinati e guarda.”
Frittata si avvicinò a Delleistruzioni e poté leggere l’appunto che il saggio Sondipas gli aveva scritto sulla fronte col pennarello: “È il momento di fare un traslorco.”
Frittata (“Dai, cambiami il nome!” suggerì indispettito all'autore) si decise quindi a migrare sotto un nuovo fungo cresciuto su un’altra unghia di proprietà di un altro orco, possibilmente più attento all'igiene personale.
Scelse il nuovo orco per il modo in cui costui cantava le note alte oltre che per la dimensione della pancia, con l’obiettivo dichiarato di migliorare il tenore di vita.
L’orco, che si chiamava Baleno, era molto variopinto ed ospitava un’intera comunità, una folla di folletti, i quali, dopo qualche tempo, avendolo preso in simpatia, lo elessero indaco.
Purtroppo in questa carica Frittata non ne combinò una giusta e dopo poco tempo i suoi conorchini esasperati, stavolta lo fecero indaco.
Sull'orco Baleno trovò però la sua anima gemella.
Si sposò con un’affascinante elfa che faceva la centralinista, nota a tutti come la folletta del telefono.
Ella aveva un buffo nome: Tento, ed il nostro eroe visse felice e con Tento fino alla fine dei suoi giorni.
Ovvero fino all'indomani, in quanto essendosi scordato i tappi nelle orecchie non sentì il clacson di un giaguar che lo centrò in pieno spiaccicandolo sull'asfalto come una frittata.

“...Bastardo...” furono le ultime parole del folletto e nessuno seppe mai se dirette al giaguar o all'autore.


1 commento:

z1om301aq9 ha detto...

All the fundamental rules of poker are adhered right here and the utmost win is 4000 슬롯 coins for Natural Royal Flush . There are no surefire strategies to profitable your misplaced money back. If your playing practices have gotten to the point the place you are losing money you'll be able to|you presumably can}'t afford to lose , you may want|it's your decision|you might have thought-about trying} look into getting skilled assist for playing habit. Video poker games as we know them received their start within the mid-1970s, not lengthy after the primary wave of arcade games like Pong and Night Driver.